fbpx Tutti i bonus per ristrutturare casa: ecobonus 110, sisma bonus, bonus giardino | Sognando Casa

Tutti i bonus per ristrutturare casa: ecobonus 110, sisma bonus, bonus giardino

Quando si parla di bonus per ristrutturare ci si riferisce a una serie di detrazioni fiscali delle quali si può usufruire nel momento in cui si esegue un intervento di riqualificazione edilizia: Sono tanti i tipi di bonus, e consistono nella possibilità di recuperare parte della spesa effettuata in rate che vanno dai 5 ai 10 anni; queste detrazioni consisteranno in uno sconto da applicare alla propria Irpef versata annualmente.

Dal 2021 è stata aggiunta la possibilità per alcuni lavori di cedere il credito a un istituto o a una banca o optare direttamente per uno sconto in fattura da parte dell’azienda a cui si appaltano i lavori. In caso di cessione del credito o di sconto ogni banca e impresa applica piccole commissioni sulle somme a cui si avrebbe diritto. Sarà possibile gestendo bene la ristrutturazione fare lavori importanti con cifre molto contenute!

Fondamentale per accedere ai bonus è effettuare i pagamenti con bonifici “parlanti” che indichino la legge di riferimento della detrazione codice fiscale del beneficiaro del bonus e la partita iva della ditta o del fornitore che ha effettuato i lavori. A fine lavori sarà necessario presentare presso l’ENEA una comunicazione riassuntiva dei lavori effettuati, con l’esito dell’efficientamento energetico, dei bonus usufruiti e un riepilogo dei materiali utilizzati.

Dovrete conservare la documentazione per 10 anni successivi all’ultima rata di bonus usufruita, con fatture e pagamenti, oltre a tutti i permessi di costruire e le pratiche edilizie eseguite. Di seguito un elenco delle tipologie di bonus ai quali si può accedere in un eventuale ristrutturazione:

Bonus ristrutturazioni

Il bonus ristrutturazione è uno dei primi bonus introdotti e tra i più semplice a cui accedere: le detrazioni si applicano su un importo pari al 50% delle somme spese, fino a una quota di 96.000 a unità immobiliare. Questo bonus comprende la fornitura di materiali, tutte le lavorazioni e tutte le attività connesse come allestimento cantiere e le pratiche di geometri e professionisti.

Questo bonus è cedibile a banche o fruibile come sconto in fattura dall’impresa che effettua il lavoro.

Ecobonus

L’ecobonus prevede la detrazione sempre del 50% su tutti gli interventi e i lavori di riqualificazione energetica, quali infissi, caldaie, isolamenti, rifacimento di impianti di riscaldamento, condizionamento, schermature solari, fonte di energie rinnovabili.

Le detrazioni devono incidere nel fabbisogno energetico dell’immobile, e il miglioramento deve essere certificato da un termotecnico con un progetto dell’impianto.

Per eventuali interventi in condominio nelle parti comuni l’ecobonus sale al 70-75%. Il massimane per l’ecobonus si somma rispetto a quello del Bonus ristrutturazione.

Questo bonus è cedibile a banche o fruibile come sconto in fattura dall’impresa che effettua il lavoro.

Bonus facciate

Altro bonus applicabile a edifici indipendenti, case singole e condomini è il bonus facciate, proposto per un rinnovo estetico del patrimonio edilizio, applicabile in determinate zone urbane, permette la detrazione in 10 anni del 90% della spesa effettuata. Questo bonus vale per tutti gli interventi che riqualificano l’estetica degli edifici, strutture verticali e opache, fregi e balconi.

Questo bonus è cedibile a banche o fruibile come sconto in fattura dall’impresa che effettua il lavoro.

Bonus verde

Con il bonus verde si può detrarre il 36% sempre in 10 rate annuali delle spese di sistemazione verde, comprese le spese per coperture e giardini pensili.

Il massimale di spesa a cui applicare la detrazione è di € 10.000,00.

Questo bonus al momento non è cedibile.

Bonus mobili

Effettuando una ristrutturazione edilizia potrete avere una detrazione del 50% delle spese sostenute per acquistare arredi ed elettrodomestici. Il massimale su cui applicare la detrazione è di € 16.000.

Questo bonus al momento non è cedibile.

 

Superbonus 110% (Ecobonus e Sismabonus)

Il bonus principe di cui si parla ultimamente è un’agevolazione fiscale che arriva al 110% dei lavori effettuati: si potrà recuperare una cifra superiore alla spesa effettuata, riqualificando il proprio immobile, e potendo guadagnarci qualcosa. Questo permette in caso di cessione del credito di effettuare lavori a costo quasi azzerato.

I bonus 110% si divide in Ecobonus e Sismabonus: Ecobonus ha come requisito un miglioramento energetico di due classi energetiche dell’immobile, per il Sismabonus è sufficiente un miglioramento sismico.

Questo bonus hanno diversi massimali rispetto ai precedenti bonus e prevedono una trafila burocratica complessa, con dei massimali di spesa divisi per singolo intervento, che andranno asseverati da tecnici abilitati e dotati di adeguata copertura assicurativa. Al momento i lavori devono essere conclusi entro Giugno 2022 per almeno il 60% dell’intervento complessivo e conclusi entro fine 2022 a meno di eventuali proroghe.

 

In caso di fruizione del bonus 110% vi sono interventi trainanti ed interventi trainati. Tra gli interventi trainanti: cappotto termico, sostituzione dell’impianto di riscaldamento, interventi di importante riqualificazione sismica. Una volta effettuati gli interventi trainanti tutti i  lavoro collaterali agli interventi principali potranno essere effettuati in connessione al Superbonus, in particolare sarà possibile: sostituire infissi, installare impianti fotovoltaici e termosolari, elementi di accumulo quali batterie, colonne di ricarica per auto elettrica, ed effettuare il rifacimento dei pavimenti ove per fare gli impianti nuovi si debba smantellare quelli precedentemente esistenti.

Requisito fondamentale per accedere al bonus è che non vi siano abusi edilizi di alcun tipo e rispettare le tabelle e i massimali pubblicati nei prezziari del Mise.

Questo è l’anno dei bonus, alcuni confermati e altri potenziali nei decreti bilancio per favorire la ripresa in seguito ai lockdown conseguenti al Corona Virus, con lo scopo di rilanciare l’edilizia e di riqualificare il patrimonio immobiliare a livello di efficienza energetica e del decoro urbano.

Sono tante le opportunità che permettono di ristrutturare casa risparmiando, le abbiamo sommariamente elencate, ma per sfruttarle a pieno il nostro consiglio è rivolgervi sempre a un tecnico competente che possa seguirvi con attenzione e professionalità nell’operazione.

 

Siete in cerca di una casa da ristruttuare a Ravenna? Eccovi le nostre proposte!

Potrebbe interessarvi:

I vantaggi nell'acquistare una casa da ristrutturare

Cessione del credito da ristrutturazione: la nostra esperienza con Poste Italiane

Richiedi una consulenza gratuita!

Come Trovarci

Via E. Pazzi, 111 - 48121 Ravenna RA Italia